Dryocosmus kuriphilus PDF Stampa E-mail

Introduzione - Attività prevista - Galleria fotografica - Normativa - Link

 

Introduzione

Insetto imenottero appartenente alla famiglia dei cinipidi, si sviluppa a spese delle piante del genere Castanea. La specie è originaria della Cina da cui si è diffusa prima in Giappone e Corea, poi negli USA. In Europa la prima segnalazione risale al 2002 in Piemonte. La sua diffusione attuale interessa ormai gran parte delle aree castanicole del nostro Paese (presente anche in Sardegna).

Il cinipide causa la formazione di ipertrofie vegetative (galle) a livello di gemme, foglie e organi fiorali delle piante attaccate. I danni causati dall’insetto possono influire sulle condizioni vegetative delle piante e sulla produzione di frutti, compromettendo inoltre la crescita dei nuovi germogli.

Stante l’importanza di adottare strategie di contenimento del nuovo pest a basso impatto ambientale, con particolare riferimento alla tutela della fauna utile presente nei castagneti, gli sforzi sono stati indirizzati verso l’utilizzo di antagonisti naturali del fitofago, con una forte attenzione alle specie in grado di contenere le sue popolazioni nell’areale originario.

Si sottolinea peraltro che con il progredire degli studi emergono progressivamente evidenze sul ruolo svolto da entomofagi indigeni infeudati a cinipidi delle querce presenti nel nostro territorio. Attualmente è in fase di diffusione l’imenottero ectoparassitoide di origine asiatica Torymus sinensis, che ha mostrato buone capacità di acclimatazione in Piemonte nelle aree di prima introduzione di D. kuriphilus.

Brussino G., Bosio G., Baudino M, Giordano R., Ramello F., Melika G., 2002. “Pericoloso insetto esotico per il castagno europeo”. L’Informatore Agrario 37, 59-61.

Bosio G., Brussino G. “Un nuovo pericoloso parassita del castagno: il cinipide galligeno Dryocosmus kuriphilus Yasumatsu”. www.regione.piemonte.it/montagna/foreste/pian_gest/cinipide.htm

Jucker C., Eördegh F. R., 2009. Dryocosmus kuriphilus. In: Insetti esotici e tutela ambientale. Morfologia, biologia, controllo e gestione. Jucker C., Barbagallo S., Roversi P.F., Colombo M. (Eds.), Arti Grafiche Maspero Fontana.

Kato K., Hijii N. 1997. Effects of gall formation by Dryocosmus kuriphilus Yasumatsu (Hym., Cynipidae) on the growth of chestnut trees. Journal of Applied Entomology 121(1), 9-15.

Moryia S., Bosio G., Alma A., Quacchia A., Picciau L., 2006 . Invasion of the chestnut gall wasp in Italy and its biological control by using Japan-sourced Torymus sinensis. Plant Protection 60, 513-517.

EPPO, 2005. “Dryocosmus kuriphilus”. Datasheets on quarantine pests. EPPO Bulletin 35, 422-424.

Paparatti B., Speranza S., 2005. Prima segnalazione del cinipide galligeno del castagno (Dryocosmus kuriphilus Yasumatsu) in Italia centrale. Atti IV Convegno Nazionale - Castagno 2005. Montella, 20-22 ottobre 2005. 214-215. Italus Hortus, 12(5): 40.

Graziosi I., Santi F., 2008 – Chestnut gall wasp (Dryocosmus kuriphilus): spreading in Italy and new records in Bologna province. – Bulletin of Insectology, LXI (2): 343-348.

 

Attività prevista

  • Acquisizione di ulteriori dati sulla presenza del Cinipide del castagno
    nelle diverse aree castanicole della penisola.
    Indagini sull’intensità delle infestazioni mediante metodi di
    campionamento speditivi.
    Sorveglianza delle aree che appaiono ancora indenni per la messa in
    atto di tempestive azioni mirate al contenimento del fitofago.
    Censimento dei vivai italiani che producono o importano dall’estero
    piantine di castagno.
    Censimento e mappatura delle aree di lancio e premoltiplicazione
    del parassitoide Torimus sinensis Kamijo al fine di ottimizzare la loro
    distribuzione e massimizzare le potenzialità di diffusione del parassitoide
    nelle diverse aree castanicole presenti sul territorio nazionale.
    Raccolta di un database sui parassitoidi e i predatori indigeni capaci
    di svilupparsi in natura a spese del Cinipide.
    Acquisizione di ulteriori dati sulla presenza del Cinipide del castagnonelle diverse aree castanicole della penisola.
  • Indagini sull’intensità delle infestazioni mediante metodi dicampionamento speditivi.
  • Sorveglianza delle aree che appaiono ancora indenni per la messa inatto di tempestive azioni mirate al contenimento del fitofago.
  • Censimento dei vivai italiani che producono o importano dall’esteropiantine di castagno.
  • Censimento e mappatura delle aree di lancio e premoltiplicazionedel parassitoide Torimus sinensis Kamijo al fine di ottimizzare la lorodistribuzione e massimizzare le potenzialità di diffusione del parassitoidenelle diverse aree castanicole presenti sul territorio nazionale.
  • Raccolta di un database sui parassitoidi e i predatori indigeni capacidi svilupparsi in natura a spese del Cinipide.

 

Galleria fotografica

Normativa

Link

 
Strateco